mercoledì 22 novembre 2017

Sulle LISTE D'ATTESA

Oggi, in Aula, presenterò questa interrogazione:

Considerato che con sempre maggiore frequenza siamo sollecitati a risolvere il problema delle liste d'attesa per visite ed esami specialistici, le quali non sempre rispettano la tempistica così come indicata per legge;

verificata con numerose telefonate al CUP l'attendibilità di quanto segnalato dagli utenti;

preso atto che in alcune realtà della ASS2 Isontina, specificatamente nella U.O.C. di oculistica e in quella di S.O.C. di ortopedia e traumatologia, l'attività libero professionale delle figure apicali appare incongrua rispetto a quella effettuata in regime istituzionale

si chiede all'Assessore competente 

se gli uffici preposti al controllo dell'attività libero professionale abbiano effettuato le opportune verifiche.


Questo il video della seduta con l'esposizione della mia interrogazione, la risposta dell'Assessore e la mia replica.




mercoledì 25 ottobre 2017

La risposta dell'Assessore Telesca



La risposta fornita dall’Assessore Telesca, in allegato, mi lascia del tutto insoddisfatto.
Premetto che nel testo originario dell'interrogazione, poi sintetizzata per esigenze di Regolamento, ripercorrevo i passaggi storici che hanno condotto 40 anni fa all’istituzione del nostro SSN.
Con la riforma del 1978, Tina Anselmi, all’epoca ministro della sanità, aveva come obiettivo la piena realizzazione dell’art 32 della nostra costituzione, posto che il sistema delle mutue, il cui livello di prestazioni era commisurato all’entità dei contributi versati dalle rispettive categorie di lavoratori, non era in grado di garantirla. 
La dimostrazione che quel sistema non fosse equo si rinveniva nell'operatività delle numerose associazioni di volontariato, spesso confessionali, che cercavano di aiutare i meno tutelati e gli ultimi, mettendo in pratica la dottrina sociale della chiesa.
Le classi più abbienti, spesso le stesse che basavano le loro ricchezze sullo sfruttamento dei lavoratori, per tacitare la propria coscienza, oliavano questo meccanismo caritatevole con le donazioni.
Il fatto che in questi giorni, a Pordenone, il Sindaco Ciriani insieme al vice presidente della Regione abbia inaugurato un ambulatorio gestito da medici in pensione che, a titolo totalmente gratuito, prestano la loro opera a favore delle persone non abbienti e che non possono attendere i tempi della sanità pubblica non può che far piacere e ricevere il nostro plauso.
Di contro questa pur lodevole iniziativa mette in evidenza la carenza del servizio sanitario regionale che, in modo evidente, non riesce a dare risposte adeguate proprio ai cittadini più fragili anche dal punto di vista economico.   
Mi sarei aspettato, da parte dell’Assessore, una riflessione costruttiva se non una dichiarazione di intenti, volta quantomeno a prendere in considerazione il potenziamento di quei servizi che non riescono a soddisfare le richieste di assistenza sanitaria delle fasce deboli della popolazione.
Le sempre più numerose attività di volontariato e le variegate forme assicurative, se associate ai tagli registrati nel servizio pubblico, fanno pensare che la scelta politica in ambito sanitario sia quella di rivolgersi in modo sistematico a servizi multi pilastro che garantiscono ottime prestazioni solo a fronte di ottimi versamenti.



martedì 24 ottobre 2017

Sanità universalistica o volontaristica?

Ho presentato un'interrogazione a risposta immediata, alla quale verrà data risposta nella giornata di domani, per fare chiarezza sulle considerazioni dell'Assessore regionale alla Sanità in merito all'apertura di un nuovo ambulatorio di natura volontaristica a Pordenone.










mercoledì 4 ottobre 2017

Sull'Ente Friulano di Assistenza

Ho fatto richiesta di accesso agli atti per sapere a quanto ammontano i finanziamenti erogati negli ultimi 20 anni dalla Regione all'Ente Friulano di Assistenza e conoscere la composizione societaria attuale dell'Ente.



martedì 3 ottobre 2017

Interrogazione sul trasporto pubblico locale a Trieste

Ho presentato un'interrogazione all'esecutivo regionale per capire quale sia il senso della previsione della delibera di giunta che prevede l'obbligo di dotarsi di un tesserino di identità a pagamento per poter usufruire del trasporto pubblico locale a Trieste.




venerdì 29 settembre 2017

Sulla variante alla strada statale 51 a Cortina

Cortina D'Ampezzo è stata scelta quale località ospitante i Mondiali di sci del 2021 e ci sono lavori in corso sui quali è bene fare luce.







Sul Direttore Sanitario nell'Aas n. 2

Ho presentato un'interrogazione per avere chiarimenti in merito alla mancata nomina del titolare dell'incarico di Direttore Sanitario presso l'azienda Aas n. 2.


mercoledì 2 agosto 2017

S.I.C. Magredi Cellina

Ho presentato una interrogazione a risposta orale richiedendo spiegazioni in merito alla situazione che coinvolge il sito di Importanza Comunitaria Magredi - Cellina, area demaniale a tutela ambientale.



martedì 25 luglio 2017

Sulla selezione del capo dipartimento dell'area chirurgica

Avendo appreso da fonti di stampa le polemiche scoppiate in merito alla procedura di selezione del Capo dipartimento dell'area Chirurgica nell'Azienda per l'Assistenza Sanitaria 2 ho presentato oggi una richiesta di accesso agli atti.




Emergenza urologia

La riforma sanitaria inizia a dare i suoi risultati